Raccolta Differenziata

#pensadifferente

In tutta l’Isola d’Elba è attiva la raccolta differenziata porta a
porta, con la separazione di scarti alimentari e organici, contenitori di
plastica e metallo, carta e cartone, contenitori in vetro e rifiuti non
riciclabili.

Per garantire un corretto riciclo, i rifiuti vanno separati e conferiti
seguendo i suggerimenti indicati per ciascun materiale e secondo le modalità e
i calendari di ciascun Comune. ESA fornisce a tutti gli utenti un kit di avvio
del servizio, composto da sacchetti e bidoncini specifici per ogni tipo di
raccolta, perché una corretta separazione dei rifiuti deve iniziare all’interno
delle pareti domestiche.

 

Poche buone regole

·        
Separa i rifiuti per tipologia e rispetta il
calendario di esposizione in vigore nel tuo Comune

·        
Utilizza i sacchetti e i contenitori in
dotazione per i rifiuti a cui sono riservati

·        
Riduci il più possibile il volume dei rifiuti

·        
Riduci la quantità di rifiuti indifferenziati,
in cui si trova solo la parte residua che non può essere raccolta in modo
differenziato

·        
Ricorda che è obbligatorio e gratuito conferire
al Centro di Raccolta del tuo Comune i rifiuti ingombranti o altri tipi di
rifiuti non conferibili con la raccolta domiciliare

La raccolta differenziata è una buona occasione per migliorare la tua gestione dei rifiuti, separandoli e conferendoli nel modo giusto.

Scegliere correttamente dove buttare un rifiuto è decisivo per l’ambiente e per la qualità della vita delle persone.

Pensa sempre a cosa stai gettando: è un dovere di civiltà e un prezioso contributo per rendere la nostra isola più bella!



I rifiuti organici sono costituiti da residui di cibo, crudi o cotti,
di origine animale o vegetale e da scarti da piccola cura del verde domestico.

Con la raccolta differenziata è possibile conferire questo tipo di
rifiuti utilizzando solo sacchetti di materiale biodegradabile/compostabile opportunamente
chiusi ed esposti all’interno del bidone marrone in dotazione.

I rifiuti organici possono essere trasformati in fertilizzanti di
qualità, utilizzabili anche per l’agricoltura biologica.

 

 

COSA CONFERIRE

COSA NON CONFERIRE

Resti di frutta, ortaggi, verdure

Gusci di molluschi

Carne e pesce a piccoli pezzi

Carta da forno

Gusci d’uova

Cialde di caffè

Alimenti deteriorati

Carta sporca di grasso o altro

Fondi di caffè o tè

Oli, grassi

Pane, pasta, riso

Tessuti colorati

Piccoli ossi

Fogli di alluminio

Fazzoletti e tovaglioli di carta sporchi

Carta patinata di riviste

Piccole lettiere non sintetiche per animali domestici con escrementi
(ad es. sabbia, trucioli, segatura, argilla)

 

Ceneri spente di caminetti

 

In questa categoria di rifiuti, denominati “plastica e metallo”, vanno inseriti solo imballaggi e contenitori in plastica, alluminio, banda stagnata (ad esempio: flaconi, vaschette, pellicole, scatolette).

I rifiuti di plastica e metallo devono essere conferiti nei sacchi di plastica semitrasparenti di colore giallo forniti da ESA, opportunamente chiusi. Tutti i contenitori devono essere ripuliti e schiacciati per ridurne il volume!

ATTENZIONE!

SOLO IMBALLAGGI E CONTENITORI!!

 

 

COSA CONFERIRE

COSA NON CONFERIRE

Bottiglie in plastica

Qualsiasi manufatto non in plastica

Vaschette per alimenti in plastica (carne, pesce, affettati, uova, ecc)

Rifiuti ospedalieri (es. siringhe, sacche, contenitori per liquidi)

Flaconi/dispensatori in plastica (per detersivi, saponi, cosmetici, ecc.)

Beni durevoli in plastica (es. elettrodomestici, articoli casalinghi, complementi d’arredo, ecc.)

Confezioni rigide e/o flessibili in plastica per alimenti

Giocattoli

Buste e sacchetti per alimenti (es. pasta, riso)

Custodie per cd, musicassette, videocassette

Reti in plastica per frutta e verdura

Canne per irrigazione

Pellicole per alimenti in plastica trasparente

Articoli per l’edilizia

Film e pellicole da imballaggio

Barattoli e sacchetti per colle, vernici, solventi

Lattine in alluminio (es. bibite)

Grucce appendiabiti

Scatole e contenitori in banda stagnata per alimenti (pelati, tonno)

Borse, zainetti

Tappi e coperchi metallici di barattoli

Posacenere, portamatite, ecc.

Bombolette spray vuote

Bidoni e cestini portarifiuti

Sacchi, sacchetti in plastica

Contenitori di rifiuti pericolosi ad esempio: colle, vernici, solventi

Piatti, bicchieri, posate di plastica

 

Carta e cartone da riciclare vanno depositati all’interno degli appositi sacchi di carta, o all’interno dei bidoni nel caso di utenze non domestiche, forniti gratuitamente da ESA.

Gli imballaggi di carta con residui di cibo non devono essere conferiti nella raccolta differenziata di carta e cartone, poiché generano cattivi odori e creano problemi nel processo di riciclo.

ATTENZIONE!!

È importante schiacciare e ridurre di volume le scatole e gli imballaggi in cartone.

 

COSA CONFERIRE

COSA NON CONFERIRE

Contenitori in tetrapak per latte, succhi di frutta, ecc.

Scontrini

Quaderni e libri

Contenitori della pizza (se molto unti)

Giornali, riviste

Carta da forno

Sacchetti di carta

Carta oleata

Fogli e fotocopie

Bicchieri e piatti di carta

Pacchi, pacchetti e scatole in cartone

Carta con residui di colla o altre sostanze

Imballaggi in cartone

Carta autocopiante

 

Carta plastificata

Nella frazione merceologica del vetro vanno inseriti solo imballaggi in vetro (bottiglie e vasetti, senza tappo); non devono invece essere conferiti qui altri oggetti anche se di vetro. È importante ripulire gli imballaggi e non frantumarli. Per questi rifiuti non devono essere usati sacchetti ma devono essere inseriti direttamente nel bidone verde in dotazione.

ATTENZIONE! SOLO IMBALLAGGI IN VETRO

 

COSA CONFERIRE

COSA NON CONFERIRE

Bottiglie in vetro

Vetri per finestre

Flaconi in vetro

Porcellana (Piatti, tazzine, ecc.)

Barattoli in vetro

Specchi

Bicchieri in vetro

Pirofile da forno microonde (PYREX)

 

Lampadine e tubi al neon

 

Soprammobili, componenti d’arredo

 

Ceramica e porcellana

Questa tipologia comprende SOLO quello che non può essere differenziato, quindi è fondamentale ridurne il più possibile la produzione. Qui sono ammessi quindi solo i rifiuti non differenziabili nelle altre frazioni merceologiche.

È vietato il conferimento di materiale ingombrante, che DEVE essere conferito al Centro di Raccolta, o ritirato a domicilio previo appuntamento.

ATTENZIONE!

CONFERIRE IN SACCHI TRASPARENTI OPPORTUNAMENTE CHIUSI

 

COSA CONFERIRE

COSA NON CONFERIRE

Scontrini

Residui organici di alimenti

Ceramica o porcellana (piatti, tazzine, ecc.)

Rifiuti cartacei privi di impurità

Contenitori in pyrex

Imballaggi e contenitori in vetro

Contenitori in cartone plastificato diversi dal tetrapak

Imballaggi e contenitori in plastica

Carta oleata o plastificata o da forno

Tutto quello che si può riciclare

Pannoloni e pannolini

 

Lampadine

 

Giocattoli e soprammobili

 

Rasoi e spazzolini in plastica

 

Oggetti e tubi in gomma

 

Le utenze domestiche e non domestiche, regolarmente iscritte a ruolo TARI possono conferire gratuitamente i rifiuti solidi urbani e assimilati, non conferibili nei tradizionali contenitori stradali presso i Centri di Raccolta Comunali.

Si ricorda che l’accesso al Centro di Raccolta è totalmente gratuito e obbligatorio per le tipologie di rifiuto elencate di seguito:

  • RIFIUTI INGOMBRANTI: come ad esempio mobili da interno e da giardino, giocattoli di grandi dimensioni, ecc.;
  • sfalci e potature provenienti da piccoli interventi di manutenzione del verde eseguite direttamente dal conduttore di civile abitazione
  • apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): ad esempio grandi e piccoli elettrodomestici (lavabiancheria, frigoriferi, lavastoviglie, scaldabagno, forno, rasoi elettrici, tostapane, frullatori, ferri da stiro, ecc.), telefoni cellulari e loro componenti, personal computer, monitor, tv, ecc.;
  • materiali edili e calcinacci provenienti da piccoli interventi eseguiti direttamente dal conduttore di civile abitazione;
  • toner da stampa esauriti provenienti da uso privato domestico;
  • tubi fluorescenti (neon) e altre tipologie di lampade;
  • pile, batterie ed accumulatori al piombo derivanti dalla manutenzione dei veicoli ad uso privato, effettuata in proprio dalle utenze domestiche;
  • medicinali scaduti;
  • legno – metallo;
  • oli vegetali esausti provenienti da attività domestica (es. olio di frittura)

Si ricorda infine che non sono ammessi i rifiuti speciali non assimilabili agli urbani, come ad esempio: amianto (ethernit), rifiuti pericolosi e tossici, imbarcazioni, veicoli e motori a scoppio in genere.

Gli abbandoni di materiale all’esterno del Centro di Raccolta sono puniti a norma di legge (D.Lgs. 152/06).